Studio Dentistico Mauro Savone Via Nettunense 226, Cecchina (Roma)

Il dentista e il coronavirus

il blog di un dentista

Mi ricordo quando, in tempi non sospetti, nei quali ancora non giravano registrazioni vocali terroristiche che raccontano di posti letto inesistenti e drammi ospedalieri dove la scelta è tra chi salvare e chi lasciar morire, opinionisti di qualunque origine professionale si esercitavano a sminuire il problema, spiegando perché e percome il covid-19 non era poi una cosa così preoccupante, non molto peggiore della solita epidemia influenzale.

Lungi da me in questo spazio fare altrettanto esponendo le mie opinioni personali - oddio, potrei anche farlo siccome è il mio blog, e nessuno potrebbe dirmi nulla, ma mi limiterò solo a raccontare qualche fatto credo non conosciuto dai più.

Intanto, quanto costano le mascherine chirurgiche? Di media, 3€ iva inclusa per pacco da 50 pezzi, cioè 6cent a mascherina, che è ragionevole considerando che andrebbero buttate via dopo ogni paziente. Almeno quando si trovano disponibili il prezzo è quello, perché praticamente le hanno esaurite anche i nostri fornitori. Lascio fare a voi i conti di quanto guadagno portano a casa gli investitori furbetti che le rivendono a... non so, qual è attualmente il prezzo di mercato di una mascherina chirurgica sfusa?

Le mascherine sono utili a contrastare la diffusione del virus? NO! Cioè, ni. Sarebbero veramente utili se le indossassero tutti, contagiati e non, nel modo corretto, e venissero gettate immediatamente dopo essere state tolte (senza toccarle con le mani se non dai lacci). Ma se pensate che siano sufficienti di per sé a bloccare la diffusione di un virus piccino picciò, tra l'altro senza realmente sigillare il passaggio dell'aria lungo i bordi della mascherina, come invece fanno i respiratori da pittura, allora siete inguaribilmente ottimisti.

Allora posso usare un respiratore da pittura? Sì, se vi va di buttarlo subito dopo l'uso, ma visto quello che costano, non è tanto percorribile come alternativa, meglio tenerselo per fare i lavoretti di casa.

Il dentista è un rischio per il contagio? Non più di quanto lo sia per qualunque altra malattia. Lavorando a due spanne dalla bocca del paziente, nella normale quotidianità dobbiamo evitare di contagiarci noi, e di far prendere al paziente malattie aggiuntive oltre a quelle che ha già. Ovviamente, se siete contagiati, non andateci dal dentista! Allo stesso modo, un dentista contagiato mai e poi mai continuerebbe a tenere lo studio aperto! Comunque, appena un paziente entra, almeno nel mio studio, deve strofinare le mani, fino a farle tornare asciutte, con una soluzione di alcool e acqua ossigenata (tipo l'amuchina gel), noi siamo già abituati a lavarci le mani un trilione di volte al giorno con buona pace della setosità della nostra pelle, le superfici sono disinfettate, il medico indossa guanti monouso sopra mani appena lavate, e le procedure dove viene prodotto più aerosol (nebbiolina umida) sono quelle nelle quali si usa anche la diga, quindi a parte il dente su cui si sta lavorando, il resto della bocca rimane isolato. La sala d'attesa non è mai piena, lavorando su appuntamento, e se c'è più di una persona si tratta degli accompagnatori del paziente, che comunque a loro volta devono disinfettarsi le mani quando entrano. La morale della storia è che è molto molto più semplice contrarre il virus al bar, durante un aperitivo ai navigli, o in un treno notte superaffollato, piuttosto che in uno studio dentistico (o in un carcere). Naturalmente ogni riferimento a fatti o persone è del tutto intenzionale.

Aggiornamento del 23 marzo: da quando ho pubblicato questo articolo, la situazione è peggiorata, e in realtà già pochi giorni dopo la pubblicazione ho praticamente cessato di esercitare. Prevenire in modo predicibile il contagio non è impossibile, tuttavia è estremamente difficile a causa dei numerosissimi modi coi quali la tramissione del virus può avvenire, per questo è giusto che sia io, che i pazienti, osserviamo pedissequamente la quarantena.

l'angolo dei commenti
scrivi qui quello che ne pensi
nome
email
messaggio

2000
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può quindi considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.
(CC) BY NC SA
note tecniche e ringraziamenti
privacy
P.I. 07556521008
cached&gzipped 20200706153819