Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Valentina

Messaggio da Valentina » 24 giu 2009, 8:23

Stavo cercando un'informazione e mi sono imbattuta per caso nel suo sito. Le vorrei sottoporre una domanda se per lei non è un problema.
Ho portato l'apparecchio fisso per circa 4 anni, dopo averlo tolto mi è stato messo un filo di ferro dietro ai denti dell'arcata inferiore per impedirgli di muoversi e mi è stato dato un posizionatore da portare ogni notte. Per quanto tempo si consiglia l'uso di tale posizionatore? ( sono quasi 3 anni che lo utilizzo)

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Messaggio da Mauro Savone » 24 giu 2009, 8:26

Quella che porti è una contenzione fissa in filo metallico (ne esistono varianti in fibre di resina), e si presuppone che venga portata per tutta la vita, altrimenti ti sarebbe stata messa una contenzione mobile... trovo strano che non sia stata informata della cosa, o forse hai dimenticato questo dettaglio?

Angela

Messaggio da Angela » 13 gen 2010, 18:22

Le scrivo per avere un parere o meglio un consiglio sul trattamento che mi è stato proposto dal mio dentista. Avendo la necessità di chiudere un diastema di poco più di 1mm dovrei portare invisalign per circa 10/12 mesi e fin qui nessun dubbio..i miei dubbi riguardano lo splintaggio a fine trattamento per evitare recidive da portare a vita?le chiedo: è necessario?si vede?potrebbe creare danni a denti o gengive?è efficace?

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Messaggio da Mauro Savone » 13 gen 2010, 18:22

Nel tuo caso si tratterebbe piuttosto di contenzione fissa, splintaggio non è il termine più esatto: quest'ultimo, anche se praticamente consiste nella stessa procedura, è più correttamente riferito alla consolidazione di più denti in casi di parodontite grave, o piorrea.
Ad ogni modo, la mia posizione riguardo a questa scelta terapeutica è univoca, ovvero preferisco evitare comunque la contenzione fissa, e utilizzare contenzioni di tipo mobile, sicuramente più ingombranti quando indossate, anche se dopo i primi mesi è di solito sufficiente portarle di notte; il motivo è presto spiegato: la contenzione fissa permette di mantenere in maniera relativamente facile l'allineamento del settore anteriore, da canino a canino, incisivi inclusi, però lo fa bloccando rigidamente la posizione di -almeno- 6 denti, e questo comporta l'assenza di compensi occlusali a questo livello, in altre parole, sei denti che normalmente potrebbero essere indipendenti nella gestione dei carichi occlusali, sono invece obbligati a comportarsi come una entità unica.
Nell'arcata superiore esiste a mio avviso una conseguenza aggiuntiva, cioè l'interferenza con il processo fisiologico della respirazione cranica. Le ossa del cranio, per quanto all'apparenza formano un sistema rigido, hanno in realtà un certo grado di libertà nei movimenti relativi, e la respirazione cranica è proprio la capacità della scatola cranica di modificare, anche se impercettibilmente, la propria forma in risposta a stimoli di vario genere, ad esempio la pressione esercitata dal liquido cefalorachidiano, per citarne uno. Le ossa della scatola cranica sono connesse a quelle della faccia, e quindi indirettamente, e tramite diversi meccanismi "a cerniera", anche a quelle dei mascellari e del palato; la contenzione fissa in questo contesto tende a irrigidire la "cerniera" delle ossa mascellari e palatine, bloccando tra loro i denti di sinistra con quelli di destra, e quindi restringe un possibile grado di libertà nell'insieme delle ossa craniche.
Tutto ciò potrebbe anche non avere alcuna conseguenza, ad ogni modo, nella mia personale pratica clinica, è una motivazione sufficiente ad evitare di applicare contenzioni fisse; ma si tratta sempre e comunque di pareri clinici individuali, e non necessariamente condivisi da tutti i colleghi.
Comunque, riguardo alle tue personali preoccupazioni, la contenzione fissa non è visibile perché applicata dietro ai denti, e se mantieni una buona igiene orale non poterà problemi. L'unico rischio eventuale è che si possa decementare, tuttavia basta provvedere a riapplicarla quanto prima.

virginiaconti

Messaggio da virginiaconti » 5 mag 2010, 14:47

Salve, ho un dubbio.
Un apparecchio applicato nell'arcata inferiore internamente con un filo metallico e collegato ai denti considerato fisso ha un limite di tempo nel portarlo giusto? Mi sbaglio nel pensare che sia insano tenerlo per un periodo superiore a 10 anni senza sostituirlo o rimuoverlo ( se applicato in tenera età e usato ancora a 28 anni) ?? grazie...

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Messaggio da Mauro Savone » 5 mag 2010, 15:30

Quella che stai portando è quasi certamente una contenzione fissa; aldilà delle indicazioni puramente cliniche ed ortodontiche del dispositivo (non sono un sostenitore della contenzione fissa) di per sé non richiede di essere sostituito/tolto per motivi igienici, in quanto se pulito non comporta problemi.
Probabilmente però è il caso di rimuoverlo per motivi funzionali, ma è meglio se a prendere questa decisione sia un medico in grado di visitarti di persona.

Valentina84

Messaggio da Valentina84 » 19 ago 2014, 18:35

Buonasera Dott. Savone,
avendo letto una Sua risposta a un utente che le chiedeva quale genere di contenzione utilizzare dopo aver terminato di indossare l'apparecchio, sono rimasta piacevolmente colpita dalla conoscenza che ha riguardo alla respirazione cranica.
Porto lo spintaggio nell'arcata superiore da circa un anno e mezzo, dopo aver portato la mascherina mobile per contenere i denti ma che dava scarsi risultati.
Da quando mi hanno bloccato i denti con questa tecnica avverto una tensione mandibolare spaventosa, mal di testa, l'articolazione temporo-mandibolare totalmente bloccata esclusivamente dalla parte sinistra, dove gli incisivi cercando di spostarsi in continuazione.
L'osteopata che mi ha preso in cura mi ha consigliato di pensare a una alternativa allo splintaggio perché le ossa del cranio e i relativi muscoli hanno bisogno di espandersi e rilasciarsi.
Ora, la mia domanda è la seguente: dato che voglio togliere questo morso opprimente che mi sta causando un malessere insopportabile, quale alternativa posso avere?
rassegnarmi a vedere i denti tornare storti e inclinati oppure c'è un modo per fermare il loro movimento?
La ringrazio, davvero gentilissimo.
Valentina

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Messaggio da Mauro Savone » 24 ago 2014, 13:05

Valentina,
prima di dare responsabilità certe ad una cosa piuttosto che ad un'altra (ed il rapporto dell'ortodontista con l'osteopata è a volte conflittuale... esperienza personale), è sufficiente fare una banale prova: prendere delle impronte per una contenzione mobile tipo mascherina trasparente, smontando quindi la contenzione fissa: se i problemi di cui ti lamenti passano, allora la causa probabilmente era la fissità della contenzione, altrimenti va ricercata altrove.
In ogni caso, le contenzioni con mascherina invisibile, se indossate, danno sempre risultati, nel senso che sono efficaci nel mantenere la posizione dei denti, per questo non sono sicuro di cosa intendessi dicendo che la mascherina mobile nel tuo caso dava "scarsi risultati".

gol

Messaggio da gol » 7 nov 2014, 16:29

Buongiorno!!
Intanto complimenti per il sito molto ben fattto e delle sue risposte esaurienti, la domanda che volglio porre e' sulla contenzione fissa piu' mascherina trasparente , la mia dentista notando una forte recidiva per il momento ha pensado ti mettere lo splintaggio fisso sopra + mascherina notturna per poi u domani togliere quello fisso e continuare con la mascherina.
Purtroppo essendo via per lavoro non porto la mascherina da 10 giorni essendomela dimenticata a casa e nonostane il filo che tiene fermo i denti arcata superiore ho notato un mini disallienamento in senso rotatorio, gli incisivi piu' forti nel ruotare hanno spostato un po' quelli vicino creando un mini spazio, se al mio rientro rimetttero' la mascherina che ha l'impronta fatta prima dello spsotamento torneranno come prima?
Grazie e buona giornata..

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Messaggio da Mauro Savone » 8 nov 2014, 18:41

In linea di massima anche solo con la mascherina gli incisivi dovrebbero venire spinti verso la posizione iniziale, ma se davvero si sono spostati da soli con tutta la contenzione fissa cementata, può darsi che la mascherina sia insufficiente.

Maria L

Messaggio da Maria L » 2 dic 2014, 15:11

Salve! Vorrei gentilmente sapere il suo parere. A causa di varie recidive ho effettuato tre trattamenti ortodontici. L'ultimo, ad entrambe le arcate, l'ho concluso circa due anni fa. Da allora ho lo splintaggio ad entrambe le arcate. Vorrei sostituire lo splintaggio, almeno nell'arcata superiore, con la mascherina da portare di notte, perchè ho letto dell'importanza della respirazione cranica. Vorrei sapere se, secondo la sua esperienza, la contenzione mobile tipo mascherina tenuta di notte è sufficiente a non fare spostare di nuovo i denti.
La ringrazio in anticipo!

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Messaggio da Mauro Savone » 5 dic 2014, 20:44

Maria
se, da quanto ho capito, porti la contenzione fissa ormai da due anni, allora potresti sostituirla come auspichi con una mascherina trasparente, ed iniziare a portarla da subito solo la notte, questo sarà sufficiente a bloccare sul nascere eventuali recidive, a patto di mantenere in buono stato la mascherina e recarsi periodicamente alle visite di controllo.
Il beneficio immediato di tale sostituzione comunque sarebbe quello igienico, infatti non avresti più un corpo cementato sui denti che aumenta le superfici ritentive di placca, e potrai passare liberamente il filo interdentale in quegli spazi.

Maria L

Messaggio da Maria L » 10 dic 2014, 12:42

Grazie mille per la risposta! Gentilissimo!

Avatar utente
Lavinia
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 18 set 2015, 10:49

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Lavinia » 18 set 2015, 11:16

Buongiorno,
ho 40 anni e porto da 9 anni circa una contenzione interna fissa sull'arcata superiore ed inferiore, posizionata in seguito a trattamento ortodontico (durato sei mesi). Tale contenzione si e' rovinata ed andrebbe sostituita. Lei consiglierebbe una mascherina mobile o nuovamente una contenzione fissa? Non vorrei che la mascherina mobile comportasse problemi in quanto i miei denti sono rimasti costretti in posizione per tanto tempo. Inoltre ho sentito dire che la contenzione fissa potrebbe prevenire possibili odontopatie e problemi di mobilità dei denti (che al momento non ho, ma che non posso escludere visto che ci sono stati casi in famiglia).
Aggiungo infine che ho concluso due impianti a giugno.

Ringraziandola anticipatamente

Lavinia

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2163
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Mauro Savone » 18 set 2015, 18:41

Lavinia,
nessuno dei dettagli che hai fornito è controindicazione ad una mascherina temostampata, inoltre l'osservazione riguardo alla mobilità dentale non ha fondamento, ovvero sicuramente uno splintaggio fisso impedisce il movimento dei denti parodontopatici, ma assolutamente non fa nulla per prevenire la parodontite.

Rispondi