Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Rispondi
Avatar utente
Reika
New member
Messaggi: 3
Iscritto il: 14 nov 2017, 17:20

Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Messaggio da Reika » 14 nov 2017, 17:28

Buonasera Dottore.
Avrei bisogno di un consiglio ed eventualmente di un appuntamento.
Mi sono state fatte di recente due otturazioni, in due differenti sedute, a denti "laterali" superiori, uno da un lato e uno dall'altro. Non so come spiegarmi meglio, chiedo scusa.
Una delle otturazioni è stata banalissima, anche se toccava due denti, perché la carie è stata presa all'inizio, mentre l'altra ha richiesto l'incappucciamento (spero sia il termine corretto), perché molto profonda (ha detto che il nervo ha fatto la goccina di sangue). Apparentemente è andato tutto bene. Anche il dente con la carie più profonda, passati i primi giorni, sembrava come nuovo. Una volta passati alcuni giorni, e passato il fastidio alle gengive, che ho molto sensibili, però, mi sono accorta di avere come perso l'incastro. Inizialmente battevo molto gli incisivi inferiori all'interno di quelli superiori, come se chiudessero troppo, provocandomi indolenzimento. Poi ho notato che questo accadeva principalmente perché la mandibola tendeva a voler scivolare in avanti, in quanto il dente con l'incappucciamento è leggermente più basso di com'era in origine, e il dente subito dopo il canino, tra il canino e quello incappucciato, tocca troppo con quello sotto, e credo che per incastrarsi la mandibola strisci in avanti. Il dentista mi ha detto che era un filo più basso per evitare di batterci troppo e infiammarlo. Ma il problema è che io ho il dubbio che sia troppo basso anche il dente dall'altro lato. Perché anche dall'altro lato avverto questa sensazione di denti che faticano a toccarsi. Inoltre non riesco a chiudere i denti da entrambi i lati senza che battano tra loro gli incisivi o i denti dopo i canini e i canini stessi. La situazione è peggiorata iniziando ad utilizzare un bite da giorno per dormire, perché è vero che in questo modo non mi faccio male agli incisivi serranso, ma rilasso la muscolatura, e torno di nuovo a batterli masticando o sorridendo, e devo proprio concentrarmi per masticare.
Sono tornata a farmi vedere, insistendo per farmi alzare l'otturazione, ma il dottore dice che è sicuro che l'otturazione sia giusta, perché dalle prove sembra che tutti i denti tocchino correttamente, e che probabilmente devo solo riabituare la mandibola. Ma io vedo proprio che anche i canini sono più vicini del solito, e si toccano, mentre prima non lo facevo.
Temo che le prove con il rettangolino di carta, quando sono lì, non dicano il vero, in quanto inconsciamente tendo sempre a chiudere mirando in quel punto, e di conseguenza sembra che io chiuda bene. Ma credo un conto è chiudere in modo mirato su un punto, e un conto è chiudere naturalmente tutti i denti. Il movimento è diverso, e non riesco a riprodurlo durante la prova. Finché vado ad incastrare solo da un lato sembra tutto ok, ma poi non trovo l'incastro di tutti i denti insieme, faticando anche molto quando mastico, finendo con la mascella contratta.
Tra l'altro ho paura che mettendo di nuovo le mani sul dente incappucciato si possa danneggiare il lavoro e infiammare il nervo senza comunque risolvere il problema dell'incastro. La situazione è molto fastidiosa, anche se sopportabile. Ma inizio a sentire la muscolatura affaticata. Anche perché la notte serro spesso, motivo per cui prossimamente dovrei anche fare un bite.
Come dovrei comportarmi secondo lei? Premetto che mi sono rivolta a lei perché avrei la possibilità di venire al suo studio.
Intanto il mio dentista mi ha fissato un appuntamento con un altro medico dello studio che si occupa di protesi, per un consulto, e per capire a cosa sia dovuto il problema. Mi ha anticipato che una soluzione potrebbe essere il molleggio. Ma è una cosa a cui ho intenzione di oppormi, nel caso mi fosse proposta, perché trovo assurdo dover limare svariati denti sani, anche se, come sostiene lui, l'otturazione non fosse realmente troppo bassa.
Cosa mi consiglia?
Grazie per l'infinita pazienza che ha avuto nel leggermi.
Eventualmente ritenga che ce ne sia bisogno, con quanto anticipo dovrei prenotare una visita?

Grazie ancora,
Cordialissimi Saluti

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2168
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Messaggio da Mauro Savone » 15 nov 2017, 18:05

Intanto noi dentisti non facciamo molleggio (forse in privato durante le pause tra due appuntamenti successivi) bensì molaggio!
Inizio dal fondo della domanda per dire che nel mio protocollo il molaggio è procedura da riservarsi a casi molto specifici, e tendo ad evitarlo anche in quelli, perché spesso le disfuzioni occlusali dipendono da un deficit di contatto dei denti naturali, o da contatti eccessivi ma non di denti naturali (che di norma si trovano già nella posizione migliore, o meno peggiore a seconda dei casi, al loro funzionamento) bensì di protesi o ricostruzioni, ed in quel caso più che di molaggio si parla di regolazione occlusale.
Se le ricostruzioni fatte sono davvero sotto-occluse, credo possa essere una coincidenza che si sia scatenata questa sintomatologia, o piuttosto si tratti della proverbiale goccia che ha fatto traboccare il vaso di una situazione occlusale probabilmente già delicata.
Non sarei in grado di aggiungere altro in questa sede, se non che aver provveduto ad un incappucciamento diretto in primo luogo, ed a evitare gli stress occlusali su quel dente, è stata a mio parere una condotta giustamente conservativa per giocare al meglio le probabilità di salvataggio di quel dente.
Per un eventuale appuntamento di visita normalmente non è necessario un largo preavviso, ad ogni modo si possono usare canali privati come email, telefono, sms o whatsapp/telegram.

Avatar utente
Reika
New member
Messaggi: 3
Iscritto il: 14 nov 2017, 17:20

Re: Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Messaggio da Reika » 16 nov 2017, 0:51

Grazie Dottore.
Ero assolutamente certa di aver inventato qualche termine, ma solo leggendo la sua risposta mi sono resa conto di quanto fosse inisensata e buffa la parola "molleggio" in questo contesto. 😂😅
Fortunatamente le mie esperienze nel campo si sono sempre limitate a banali otturazioni, e la terminologia mi è del tutto sconosciuta.
Vorrei precisare che non penso che il mio dentista non sia un bravo dentista. Penso solo che, non essendo specializzato in gnatologia, non abbia le conoscenze necessarie a comprendere veramente il mio problema.
Ad ogni modo, da quello che posso percepire aprendo e chiudendo la bocca, credo che anche l'otturazione dall'altro lato sia troppo bassa, e col passare del tempo la sensazione è che il problema sia più da quel lato che da quello del dente incaplucciato.
Il primo dente che mi è stato otturato è stato infatti quello incappucciato, e subito dopo mi sembrava di sfiorare più del solito gli incisivi tra loro, ma non mi creava dolore o fastidio. Quando poi mi è stato fatto anche il dente dall'altro lato (che per coincidenza è lo stesso dente) ho invece iniziato a sentire contatti anche trai canini, e gli incisivi inferiori mi hanno iniziato a battere continuamente su quelli superiori, tanto da crearmi su tutta la gengiva superiore indolenzimento e irritazione (serrando di notte, una mattina mi sono svegliata con un dolore tale da non riuscire a parlare, motivo per cui ho subito comprato un bite di emergenza in farmacia). Inoltre a volte ho come la sensazione che gli incisivi superiori si muovano (cosa che ovviamente non fanno), da quanto sono sottoposti a pressione.
Il mio dentista dice che, essendoci all'interno degli incisivi superiori un'incavo formato da quelli inferiori, quel problema l'ho sicuramente sempre avuto. E probabilmente è vero, ma non ho mai sentito fastidi e i denti non toccavano tra loro, quindi penso che la situazione fosse quella da sempre, e ormai i denti avevano la forma giusta per coesistere. E ora invece l'equilibrio si è perso. E battono continuamente, se non mi forzo a tenere la mascella più indietro e verso un lato quando parlo e mastico. Praticamente posso chiudere stringendo da un lato, o dall'altro, e sembra che tutto tocchi correttamente (la mascella scivola di lato quando vado ad incastrare i denti). Ma se provo a chiudere tutti i denti contemporaneamente, ad esempio sorridendo a denti "stretti", mi ritrovo con incisivi e canini che sbattono e premono tra loro.
Non metto in dubbio il fatto che il mio equilibrio finora fosse una fortuna, ma il fatto che sento il vuoto ai denti otturati e che gli altri denti da un momento all'altro hanno iniziato a sbattere non penso sia un caso.
Secondo lei, per quanto sia possibile capirlo solo dalle mie descrizioni, quali potrebbero essere le soluzioni da considerare nella mia situazione?
Ad ogni modo, ormai attenderò lunedì la visita con l'altro specialista, anche se non credo servirà a molto, visto che mi è già stato detto che avrebbero probabilemnte optato per il molaggio dei miei denti sani, se veramente avessero trovato contatti scorretti, dopodiché eventualmente (e molto probabilmente) la contatterò in privato per un appuntamento.
Grazie ancora, e scusi la prolissità eccessiva, ma cercare di descrivere i vari aspetti del problema per iscritto si sta rivelando più complesso di quanto mi aspettassi.

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2168
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Messaggio da Mauro Savone » 18 nov 2017, 0:07

Rimango del parere che non sia indispensabile in sé risolvere la eventuale sottocclusione delle ricostruzioni, quanto determinare il funzionamento dell'occlusione nel suo insieme e la possibile correzione indicata.
La percezione dei contatti dentali non è qualcosa di cui si è normalmente consci nella vita quotidiana, e non è escluso che solo ora ti accorgi, per averci fatto intenzionalmente caso, di contatti che forse ci sono sempre stati; l'occlusione è regolata più spesso che non da un sistema di pilota automatico, quindi il disagio può essere stato definitivamente scatenato da due otturazioni "troppo basse", ma probabilmente sarebbe successo comunque più in là per altre cause di parimenti piccola entità.

Avatar utente
Reika
New member
Messaggi: 3
Iscritto il: 14 nov 2017, 17:20

Re: Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Messaggio da Reika » 20 nov 2017, 3:09

Immagino che l'unica soluzione per capire quale sia effettivamente il problema sia venire lì per una visita.
Non fosse che quando mastico senza pensare al movimento sbatto tanto gli incisivi da infiammare tutta la gengiva e avvertire la sensazione di denti che si muovono, mi verrebbe da essere d'accordo con la teoria che la causa non sia strettamente legata alle otturazioni. In pratica è ormai circa un mese che devo pensare al movimento quando mastico o sorrido, perché è proprio quando sto rilassata che mi faccio male chiudendo. Mi sono anche accorta che per evitare il contatto tengo la mascella leggermente spostata a destra, tanto che gli incisivi non appiono più in linea.
Indubbiamente di base ho una dentatura inferiore affatto perfetta, con denti affollati, che sicuramente non aiuta. Ma la sensazione di denti che chiudono "troppo" c'è anche a prescindere dagli incisivi che battono.
Ad ogni modo, grazie ancora per la pazienza, immagino mi risentirà presto.

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2168
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Incicivi che toccano dopo otturazione a due altri denti

Messaggio da Mauro Savone » 20 nov 2017, 20:11

Sarà mio piacere fare il possibile per decifrare la sintomatologia e identificarne una plausibile causa, ma soprattutto una soluzione praticabile

Rispondi