Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 5 ago 2015, 19:21

Il caldo di questo periodo sta causando una frequenza elevata di dolori e fastidi su denti anche lievemente infiammati; nel tuo caso però se senti fastidio al passaggio del filo sembra quasi che si tratti di una sensibilità dentale o appunto gengivale, non compatibile con un dente devitalizzato che ha perso ogni capacità di avvertire il dolore di per sé, tantopiù se alla lastra di controllo i canali risultano correttamente chiusi.
Se hai il dubbio che si possa trattare di un dente vicino, allora è possibile che sia davvero così, ma come dici tu stesso, la diagnosi verrà fatta dal collega prossimamente, per ora presta attezione a mantenere una buona igiene.

Avatar utente
enricood
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 7 ago 2015, 9:53

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da enricood » 7 ago 2015, 10:01

Salve dottore, qualche anno fa' andai dal dentista a farmi delle otturazioni ma dopo un annetto queste si sono rotte e allora mi disse che forse erano da devitalizzare ora da un due anni mi si forma una bollicina sulla gengiva sopra il molare e sento un dolore fortissimo, dalla testa fino al collo e ho usato diversi antidolorifici come il moment, ma con scarsi risultati, volevo sapere siccome sono fuori per lavoro cosa posso fare per non sentire dolore? poichè ho provato anche impacchi di acqua ossigenata e acqua e sale ma ho sentito solievo solo per due minuti. Chiedo seposso fare qualcosa o se è meglio prenderfe qualche medicinale. Ora che ricordo un anno fa' mi feci prescrivere degli antibiotici e il dolore mi passo' per un bel po' di tempo. La ringrazio e mi scuso del disturbo

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 8 ago 2015, 9:23

Hai bisogno di un intervento di cura canalare il prima possibile, se soffri di dolori così intensi a causa dell'ascesso l'antibiotico serve solo a rallentare la progressione dell'infezione. Non trascurare il problema, e se non prevedi di tornare in Italia a breve organizzati per farti vedere da un dentista nei tuoi pressi.

Avatar utente
Butnyes
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 8 nov 2015, 11:31

Gonfiore gengiva dente devitalizzato

Messaggio da Butnyes » 8 nov 2015, 11:46

Salve, vi scrivo per esporvi un problema sorto circa 7 giorni fa.
Sono uno studente fuorisede quindi non ho ancora visto il mio dentista, ho chiamato due volte quest'ultimo il quale prima mi ha indicato il brufen come antidolorifico in caso di necessita e poi 2 giorni dopo richiamando, un antibiotico per via orale.

Il problema è che il molare devitalizzato 3 anni fa, all'esterno della gengiva, si è gonfiato. O meglio la gengiva si è gonfiata in una sorta di "palla" dura ingrossando la faccia sul lato sinistro. Il dente devitalizzato è privo di copertura più che altro perchè la dentista mi aveva coperto il dente con una pasta "temporanea". Dopo aver ripetuto la copertura 4 volte perchè mangiando si staccava, mi ha negato una nuova copertura a favore di un trattamento completo di otturazione. Che io per motivi economici ho dovuto rimandare.

Il dente non mi ha mai dato problemi, anche senza copertura, solo che adesso dopo due giorni di mal di gola e raffreddore è sfociato in questo.
Non ho dolore di alcuna sorta, ne quando mangio ne normalmente, è solo una questione estetica del gonfiore che mi penalizza molto psicologicamente.
Il dentista lo vedrò solo tra 13 giorni visto che al telefono mi ha detto che se non sento dolore non può mettermi in visita come urgenza.
Il gonfiore può essere causato dal virus influenzale che ho avuto quei due giorni? Ed è normale che dopo una settimana sia ancora gonfio?
Comunque ora la pallina è più morbida al tatto e il gonfiore è leggermente attenuato rispetto al primo giorno.
Continuo con l'antibiotico per 7 giorni o cambio dentista? Grazie

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 10 nov 2015, 15:36

Non c'è purtroppo nulla di strano in quello che è successo, e il raffreddore al massimo ha solo accelerato un evento che sarebbe comunque capitato anche da solo. Il dente rimasto aperto ha continuato a contaminarsi coi batteri salivari, i quali hanno fatto scaturire una infezione secondaria; devitalizzare un dente rende necessario ricostruirlo subito, o quasi.
Giunti a questa situazione la cura canalare è da ritenersi non più valida, proprio perché rimasta a contatto costante con la saliva e quindi infiltrata e contaminata; non sarebbe saggio ricostruire il dente senza prima eseguire un ritrattamento endodontico rimuovendo la vecchia chiusura e ripetendo la procedura daccapo.
L'antibiotico va naturalmente portato a termine, tuttavia sia che tu continui a farti seguire presso lo stesso studio o decida di cambiarlo, tieni presente la necessità almeno stavolta di ultimare la terapia senza lasciarla incompleta, altrimenti succederebbe di nuovo la stessa cosa, e finiresti probabilmente per essere costretto all'estrazione.

Avatar utente
giuseppa
New member
Messaggi: 2
Iscritto il: 11 nov 2015, 18:44

devitalizzazione fatta male con relative conseguenze

Messaggio da giuseppa » 11 nov 2015, 20:37

Salve dottore, prima di tutto vorrei ringraziarla perché vedo che lei è uno dei pochi dottori che risponde in tempi brevi nei commenti delle persone.
Mi presento mi chiamo giusy, anni fa xvia che ho perso il lavoro sono dovuta ricorrere alla mutua xcurare alcune carie e per fare una terapia canalare..non sto qui a descrivere l'ambiente che ho trovato e le strutture poco attrezzate ...a tal punto che un dentista non potendo farmi la terapia canalare mi mandò da un altro fantomatico dentista. Allora mi fidai e con lui inizia la terapia...quando completò il lavoro mi accorsi subito che qualcosa non andava...non è il primo dente che tratto(sempre curati privatamente) allora ricordo che dopo aver fatto notare il fastidio che avvertivo)....il dentista mi liquido' dicendomi che in un paio di giorni sarebbe guarito.aspetto ancora quel giorno !!!
dopo essere tornata dal 'altro dottore sempre associato alla mutua mi disse che qualcosa non andava e che dovevo fare la radiografia dove uscì che avevo dei problemi con il nervo trigemino e che era infiammato e se la situazione continuava di farmi vedere da un neurologo....arrabbiata e delusa nel ritrovarmi così. ..ho deciso di non farmi piu visitare da questi due dentisti. Purtroppo non potendomi permettere di andare privatamente la situazione e sfociata in una pallina che si è formata sulla la gengiva che corrisponde in quel dente trattato. ..pallina che da due anni ha convissuto con me..non so se chiamarlo accesso. ..o granuloma che ogni tanto sfiorando con la mano quel punto li..sento una leggera scossa come se arrivasse al cervello.per il resto mai forti dolori e ne maldidente(che io ricordi).oggi ho preso appuntamento dal mio dentista di fiducia(quello che andavo prima di avere problemi economici)e appena visitato e fatto la radiografia mi ha detto che il dente non può salvarlo e andrebbe tolto.io non voglio assolutamente arrivare a tanto e l'ho supplicato di provare a salvarlo. .cosi vedendomi disperata a dente aperto oltre a ripulirlo dal materiale ha inserito una medicina . ..penso un disinfettante.da quello che ho capito da una parte riusciva ad arrivare xripulire ma da un altra parte del dente non riusciva ad arrivare...forse xche' l'accesso era troppo esteso..?poi ha chiuso il dente temporaneamente e mi ha detto che mercoledì vedrà come va la situazione se l'infezione diminuisce . però riflettendo ora non mi ha dato nulla da prendere x provare a togliere questo accesso. .non so un antinfiammatorio . forse xche' xlui non c'è proprio speranza e ha voluto solo accontentarmi e darmi la possibilità di riflettere sul'estrarre il dente. .?oppure magari xché ci sarebbe un trattamento molto costoso e sa che non posso permettermelo e a tirato la soluzione piu economica? Vorrei il suo parere sincero. ..esiste o non esiste un modo x salvare il mio dente..?magari una capsula..?io continuo a non volere l'estrazione del dente. ..volendo ragionare se xdue anni non mi ha creato grossi problemi. ..o dolori. ...xché toglierlo..?a cosa potrei andare incontro se dovossi tenerlo??mi perdoni se mu sono prolungata. ..ma volevo spiegargli nei dettagli la mia odissea con le strutture convenzionate della mia provincia ...era meglio che non ci andavo :-(

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 13 nov 2015, 12:17

Giusy,
il tuo caso è una normalissima infezione periapicale da recidiva su una cura canalare, non hai problemi neurologici e purtroppo una corona non risolverebbe in nessun modo la fistola che vedi sulla gengiva.
Le strutture pubbliche in italia sono attrezzate per interventi minimali, siccome l'odontoiatria è di per sé una branca molto costosa della medicina, ed il sistema sanitario nazionale non ha le risorse da dedicare a questo scopo, anzi è strano che ti sia stata fatta una cura canalare "in amicizia", e da quanto capisco anche con breve attesa.
I farmaci non ti possono aiutare in nessun modo né esistono metodi miracolosi, o è possibile ritrattare endodonticamente l'elemento in modo completo e corretto, facendo regredire completamente infezione e quindi fistola, oppure purtroppo come vorrebbe fare il collega diventa indispensabile estrarlo.

Avatar utente
giuseppa
New member
Messaggi: 2
Iscritto il: 11 nov 2015, 18:44

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da giuseppa » 13 nov 2015, 16:37

salve dottore..la ringrazio ancora una volta per avermi risposto e fatto capire comè la situazione.
cosa vuoldire: '' è possibile ritrattare endodonticamente l'elemento in modo completo e corretto, facendo regredire completamente infezione e quindi fistola '' ?? è la medicina che mi ha inserito il mio dentista dentro il dente x disinffettare?lui mi aveva accennato che provava a fare questo tentativo e vedere come si comportava quest'infezione e se riusciva a salvarlo...dandomi cmq solo pochissime possibilita'.....con la prima prova fatta gli sentivo dire che dal un lato riusciva a ripulire ma cera una parte piu profonda che non riusciva ad arrivare.
ora io non so se mi sto facendo prendere dalla suggestione ma mi sembra la pallina piu sgonfia anche la parte della gengiva vicino al dente..non ho piu quella sensazione di fastidio che avevo prima.leggermente la mattina quando mi sveglio...ma appena mi parte la giornata non mi da particolarmente fastidio come prima....non dico che non cè...ma la sento in minor modo.puo' essere una cosa positiva?io cmq in questi giorni sto cercando di mangiare solo cose frullate e ho provato a fare un impacco di acqua e sale(mi dica se sbaglio)e mi sono sciacquata la bocca con un colluttorio xridurre la carica batterica (le sto provando tutte pur di salvarlo) oppure sarebbe meglio un impacco con camomilla? non sto assumendo medicine xchè il mio dentista non me ne ha parlato....pero' certamente tra il disinfettante inserito e un antifiammatorio...non mi avrebbe aiuto a far scendere l'infezione??? e poi mercoledi quando andro' da lui ...se lo trova meno infiammato magari riprovare un altra volta a disinfettarlo...?io sinceramente non vorrei perdere il dente...le vorrei provare tutte !!!e far capire al mio dentista di insistere con la disinfettazione e non tirare subito la conclusione del'estrazione del dente.poi se decidessi di tenerlo... quali conseguenze potrei avere con il tempo...?fino ad'oggi solo fastidio ma non dolore vero è proprio.dottore so che senza un dente non si muore e si puo' vivere lo stesso...ma io ho paura di non adattarmi a questa cosa...e dei relativi disturbi che puo' comportare il non poter masticare piu il cibo correttamente.poi un altra cosa che ho paura e che se si inziano a togliere i denti...tra l'altro questo malato è affianco ad uno incapsulato.... ho paura che piano piano si possano indebolire pure gli altri e rischiare di perderli pure.......ho tanta paura e poche possibilita'.....

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 14 nov 2015, 16:05

L'unico esclusivo modo per eliminare l'infezione su un dente già devitalizzato è un ritrattamento corretto, come quello che sta tentando di fare il collega, tutto il resto ha efficacia nulla. La fistola normalmente scompare nel giro di una settimana quando questo funziona; altra cosa certa è che se non è possibile rimuovere l'infezione, è più dannoso per la bocca lasciare il dente al suo posto con un granuloma costantemente a suo carico piuttosto che rimanere senza!

Avatar utente
Sergent Captain past
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 11 apr 2016, 2:43

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Sergent Captain past » 11 apr 2016, 4:12

Salve, Dottore.

Circa un mese fa cominciai a sentir dolore al 2.6, devitalizzato 2 anni prima. I sintomi erano: dolore sordo (ora più intenso, ora meno, durante la giornata) e... scariche riferite al sopraddetto dente, quando saltellavo o picchiettavo con le dita il sommo della testa.
L'endorale, tuttavia, non mostrava alcunché di anomalo (certo, poteva essere che fosse stato trascurato il famigerato [da quanto ho letto] quarto canale, ma l'immagine non poteva certo far appurare questo [riferisco i concetti espressi dal suo collega]).
Feci ovviamente presente 'sto fatto delle scariche dovute a saltellamenti e picchiettamenti della testa, paventando un'infezione sinusale (questa ossessione di consultare internet per i malanni da parte di noi ansiosi :lol: ), cosicché, il dentista mi propose di chinarmi, portando la testa verso le ginocchia: nessun aumento del dolore in corrispondenza del 26.
Visti dunque i sintomi di un più che probabile fallimento endodontico, egli mi mise innanzi al bivio estrazione/ritrattamento: vado per la prima (mi manca pure l'antagonista, del resto).

Dunque, a distanza di quasi un mese, tutto sembra filare liscio, scomparsi i dolori anche quando meno la capoccia con la sinistra. Però il tarlo di quella possibile infezione sinusale rimane (brutta bestia, l'ipocondria).

E finalmente la domanda: lei, dottore, reputa necessario o comunque prudente fare anche una capatina presso lo studio di un otorinolaringoiatria per escludere con certezza di avere la suddetta sinusite?

La ringrazio in anticipo.

Franco

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 15 apr 2016, 23:03

Se sei ipocondriaco come dici, qualunque cosa che io dica sarebbe superflua sulla tua decisione!
Se non hai sintomi, a mio parere è inutile indagare oltre, i fastidi che sentivi erano compatibili con una "normale" parodontite periapicale, che hai debellato estraendo il dente.

Avatar utente
Valentina95
New member
Messaggi: 2
Iscritto il: 28 apr 2016, 14:18

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Valentina95 » 28 apr 2016, 14:29

Salve dottore,
Volevo chiederle un consiglio, a dicembre sono dovuta correre dal dentista per un molare che mi stava dando fastidio, lui mi dice che è da devitalizzare, inizia la procedura col bucarmi il dente, pulire bene e mette il cemento adesivo, mi da l appuntamento per 2 settimane dopo..
All ultimo io non posso andare, giorni dopo mi chiama e mi dice di cercare un altro dentista pe finire il lavoro. Io non avendo fretta e non sentendo piu dolore, aspetto a chiamarne un altro, intanto mi si leva il cemento adesivo, e continuo a non avere problemi o dolori.
Ora siamo ad aprile e da inizio mese sento questo saporaccio in bocca che mi rovina il gusto delle cose che mangio e poi ce l ho tutto il giorno, una cosa che non sopporto piu.
Ora, non avendo i soldi per andarci dal dentista, mi son fatta consigliare dal farmacista un colluttorio (froben gola) per fare i sciaqui, non funziona piu nemmeno quello.. C'è qualcosa che posso fare io? Vorrei solo levare questo saporaccio. Grazie mille!

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2157
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Mauro Savone » 29 apr 2016, 11:52

Se non sei in grado di pagare la cura su quel dente, piuttosto che tenerlo in bocca col rischio che causi brutte infezioni, conviene che tu lo faccia estrarre, eventualmente da una struttura ospedaliera dove ci sarà maggiore attesa, ma pagheri poco o nulla per l'intervento. Rimedi casalinghi che hanno il solo scopo di togliere il sapore cattivo non farebbero altro che spingerti a trascurare più a lungo il problema, aumentando le probabilità che questo possa maturare fino a raggiungere uno stadio potenzialmente pericoloso per la tua salute.

Avatar utente
Valentina95
New member
Messaggi: 2
Iscritto il: 28 apr 2016, 14:18

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da Valentina95 » 29 apr 2016, 13:04

La ringrazio per la risposta, penso che allora essendo comunque grave la cosa, andro' in ospedale... grazie mille ancora!!

Avatar utente
marco79
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 1 ago 2016, 20:13

Re: Dente devitalizzato, dolore, gengiva gonfia e pus, forse una fistola

Messaggio da marco79 » 1 ago 2016, 20:22

Buonasera dottore,

poco più di una settimana fa mi è stato devitalizzato un ultimo molare che presentava due radici necrotiche ed una particolarmente infiammata. Tale dente da circa una paio di mesi mi dava ad intermittenza fitte dolorose e che si prolungavano nel tempo durante l'assunzione di cibi caldi e, più raramente, di liquidi freddi. La cosa strana è che spesso sentivo tale sensibilità su un dente adiacente devitalizzato da molto tempo.

Al momento non avverto più la sensibilità al freddo, tuttavia appena mastico qualcosa di caldo sul dente sento ancora una fitta (più attenuata) che tuttavia si risolve subito.

Da un post precedente mi pare di aver capito che a così breve distanza di tempo tale reazione potrebbe essere normale. Me lo conferma?

Grazie in anticipo
Marco

Rispondi