Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Avatar utente
saralazzano
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 7 ott 2015, 19:08

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da saralazzano » 7 ott 2015, 19:12

Salve dottore, sono una ragazza di quasi 19 anni che ha portato l'apparecchio fisso per due anni e mezzo.
Inizialmente ho portato tutte le notti la mascherina trasparente per l'arcata superiore, ma da qualche mese a questa parte ho smesso. Oggi ho provato a rimetterla in quanto ho notato una leggera sovrapposizione dell'incisivo sinistro sul destro, problema che avevo già prima di portare l'apparecchio. Tolta la mascherina ho sentito un leggero dolore all'incisivo in questione..Dovrei preoccuparmi di averlo in qualche modo danneggiato? Potrebbe essersi indebolito oppure la mascherina ha solo cercato di riportarlo alla posizione iniziale? Dovrei continuare a metterla o lasciar perdere per evitare il leggero dolore?
Cordiali saluti.

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2007
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Mauro Savone » 9 ott 2015, 10:42

La seconda che hai detto: continua a portarla e se sarai fortunata l'incisivo pian piano tornerà allineato. Se dovessi cessare di portarla del tutto rischi una recidiva peggiore.

Avatar utente
vale
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 28 mag 2016, 14:39

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da vale » 3 giu 2016, 15:54

Buongiorno dottore,
ho 34 anni e per due anni e mezzo ho portato l’apparecchio fisso solo sull’arcata superiore per correggere l’accavallamento del laterale destro sull’incisivo centrale. Ho il palato stretto e il viso leggermente asimmetrico e nei primi tempi di cura ortodontica avvertivo un certo fastidio sul lato destro dell’arcata, poi la situazione si è stabilizzata, il laterale accavallato si spostava lentamente per assumere la posizione corretta e non ho più avuto problemi. Notavo solamente che l’incisivo centrale destro tendeva a scendere e più volte nel corso della terapia era stato alzato e sistemato per allinearlo all’altro. Poco tempo prima di terminare la terapia ortodontica, l’incisivo in questione è stato limato poiché, nonostante gli aggiustamenti, risultava comunque, alla vista, più lungo dell’altro. Il 24 maggio scorso, dopo aver limato ancora un po’ i denti per sistemare le altezze, mi è stato tolto l’apparecchio e sono tornata a casa soddisfatta e serena. Il giorno successivo sono andata all’appuntamento per applicare la contenzione. D’accordo con il dentista abbiamo deciso di mettere il filo da canino a canino e a quel punto sono iniziati i problemi. Durante la notte mi sono svegliata con mal di testa, nausea e sensazione che i denti interessati dal filo venissero spinti in avanti. Ho chiesto spiegazioni e il dentista ha detto che si trattava di una spinta “anomala”, poiché il filo non era “attivo” e serviva solo a bloccare i denti per impedire che tornassero nuovamente storti. Ho resistito un altro giorno e dopo 48 ore sono corsa a farmelo togliere. Il senso di spinta in avanti era diventato insopportabile e il mal di testa era notevolmente aumentato. Subito dopo aver tolto il filo è stata presa l’impronta per fare la prima mascherina, la quale però si è rivelata non idonea perché riproduceva la stessa spinta in avanti avvertita quando portavo il filo. A quel punto Il dentista mi ha consigliato di dormire una notte senza contenzione per permettere ai denti di rilassarsi e di tornare da lui il giorno successivo per prendere un’altra impronta e fare una seconda mascherina. Al momento di prendere la seconda impronta non avvertivo più grossi fastidi, a parte un po’ di indolenzimento e un certo fastidio all’incisivo destro sotto al naso. Ottenuta la nuova contenzione, ho notato che va abbastanza bene, ma in qualche modo il fastidio all’incisivo continua ancora. Nel frattempo è passata più di una settimana da quando ho tolto l’apparecchio e purtroppo l’equilibrio raggiunto in bocca a fine terapia e prima dell’avventura con la contenzione fissa sembra essere ormai stato compromesso. Le soluzioni sono due. O rimettere l’apparecchio o, se perdura il fastidio all’incisivo anche con la seconda mascherina, sperare che una leggera recidiva riporti una situazione di normalità, l’incisivo si “accomodi” senza creare più problemi ed eventualmente, a quel punto, prendere un’ulteriore impronta per fare una terza mascherina. Personalmente vorrei evitare l’apparecchio poiché dal punto di vista psicologico e fisico sono stati giorni difficili, inoltre ho paura che, riapplicandolo, al momento di toglierlo venga asportato dell’altro smalto, come mi sembra sia successo la prima volta. A questo punto mi interessa solo star bene anche se il prezzo da pagare fosse una piccola recidiva. L’unico mio dubbio estetico riguarda le altezze. Ho paura in particolare che l’incisivo limato, cercando di tornare alla sua posizione iniziale, possa risalire, risultando a quel punto più corto dell’altro. La mia domanda è questa: possibile che la spinta “anomala” in avanti dei denti bloccati dalla contenzione fissa sia stata prodotta, non dal filo in quanto appunto “inattivo”, bensì dalla fisiologica contrazione dell’arcata non coperta da contenzione per riportare i denti alla posizione iniziale, avendo io per giunta il palato stretto? Ho letto il suo articolo sull’importanza della respirazione cranica e devo dire che è stato illuminante per me, in quanto la scelta della contenzione fissa nel mio caso si è rivelata del tutto sbagliata.
La ringrazio anticipatamente dell’attenzione.
Ultima modifica di vale il 2 set 2016, 10:48, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2007
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Mauro Savone » 6 giu 2016, 16:57

Interessante il tuo resoconto sulle cefalee correlate alla contenzione fissa, e grazie per averlo condiviso.
La spinta di cui parli non ritengo fosse causata da una qualunque azione di recidiva, altrimenti avrebbe potuto esprimersi anche nelle ultimissime fasi di trattamento ortodontico, in cui l'apparecchio montato svolgeva, a tutti gli effetti, il compito di una contenzione fissa.
A volte non è particolarmente agevole modellare il filo metallico perché sia al 100% passivo sulla forma d'arcata, e forze residue potrebbero esercitarsi sui denti anche se non sono avvertibili in prima persona dal medico.
Non credo neppure che l'incisivo centrale possa recidivare con un'intrusione spontanea, essendo quest'ultima una traslazione dentale già difficile da ottenere con l'ortodonzia, e assolutamente non spontanea in bocca.

Avatar utente
Tiziana
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 10 mar 2017, 17:32

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Tiziana » 10 mar 2017, 17:45

Salve,avrei una domanda sull'argomento!
Ho portato l'apparecchio fisso per i tre anni delle medie, dopo averlo tolto mi è stato fissato nella parte interna dell'arcata inferiore un ferretto di metallo che ancora porto (adesso ho 30 anni)!
Da almeno 4/5 anni soffro di dolori alla mandibola che si spostano verso sia la parte superiore della testa portandomi mal di testa continui sia dietro al collo, ma la cosa più fastidiosa sta nel fatto che mi si addormenta il mento e il labbro inferiore con annessi formicolii (come accade alle mani per intenderci)
Sono stata dal dentista per controllare se fosse un problema di cattiva occlusione ma non ha preso per niente in considerazione questa cosa del ferretto!
Visto che è un problema molto fastidioso potrei sostituirlo con una mascherina trasparente da portare la notte (tendo anche a serrare molto i denti durante il sonno) o potrei avere delle recidive?
Grazie mille

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2007
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Mauro Savone » 11 mar 2017, 16:46

La mascherina rimovibile avrebbe la stessa funzione della contenzione fissa a patto di indossarla sempre quando necessario, se poi i dolori derivano dalla prima lo si vedrà in caso dovessero passare cambiando dispositivo di mantenimento

Avatar utente
Irenezambuto
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 21 lug 2017, 10:16

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Irenezambuto » 21 lug 2017, 10:22

Salve,
Volevo chiedere una info
Stamattina mi si è "spezzato" il filo di ferro che mi è stato messo anni fa quando ho tolto L'apparecchio fisso
Volevo sapere se è il caso di farmene mettere uno nuovo oppure toglierlo . Ho paura che i denti tornino storti

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2007
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Mauro Savone » 26 lug 2017, 0:05

Lasciarlo così non dovrebbe comportare gravi conseguenze, se si è rotto in un punto ma è ancora attaccato ai denti.
Se invece una parte sporge e graffia la lingua, allora conviene quantomeno farlo togliere, e non sarebbe una cattiva idea far confezionare una contenzione di altro tipo, ad esempio mobile trasparente, solo notturna.

Avatar utente
Jessica1
New member
Messaggi: 1
Iscritto il: 4 ago 2018, 15:41

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Jessica1 » 4 ago 2018, 15:48

Salve facendo un po’ di ricerche sono capitata in questo forum.ho portato L apparecchio e ora sono 8 anni che porto una contenzione fissa in filo metallico. Ormai da qualche tempo ho iniziato a sentire che uno dei denti dove la contenzione poggia non era più stabile come un tempo. Sono andata da un dentista( diverso da quello dove feci il trattamento) dove mi è stato fatto anche un X Ray e L osso del dente è buono, il dentista però mi ha detto ke dietro il dente che io sento muovere il materiale per attaccare la contenzione fissa è diventato scuro tipo marrone. È normale o potrebbe essere legato al movimento che sento? Lo studio del dentista ora è chiuso ma a settembre andrò a chiedere direttamente a lui. Grazie

Avatar utente
Mauro Savone
Site Admin
Messaggi: 2007
Iscritto il: 30 lug 2010, 18:38

Re: Contenzione fissa in filo metallico, qualche incomprensione

Messaggio da Mauro Savone » 7 ago 2018, 11:52

Probabilmente si è scollato il filo e nello spazio sottostante si è accumulata placca, il che spiegherebbe il colore scuro

Rispondi